Uniting Europe

In una fabbrica, un robot umanoide lavora fianco a fianco dei dipendenti alla catena di montaggio. (Photo credit: REUTERS)

Di per sé, dare “denaro gratuito” è una pessima idea, tuttavia un reddito universale di base potrebbe funzionare se facente parte di un progetto più grande.

 

Nel mio ultimo articolo “Ecco come Trump potrà salvare la democrazia americana”, ho parlato dell’importanza di trovare soluzioni creative e lungimiranti al problema della disoccupazione in America, in particolare nelle zone rurali dell’America media, che è la più colpita dal declino economico e dalla deindustrializzazione. Ho sottolineato come questo sia fondamentale per dirigere la società americana verso un cambiamento positivo e per calmare le correnti nazionalistiche che stanno sorgendo. Ho suggerito che se Trump riuscisse a soddisfare le esigenze disattese della sua circoscrizione di base, non dovrebbe però fare affidamento sul riportare l’industria in America o sul cercare di creare nuovi posti di lavoro in quei settori in cui i robot e le macchine hanno sostituito la manodopera. Ho piuttosto raccomandato di focalizzarsi sulla formazione e sullo sviluppo personale, al fine di formare coloro che attualmente hanno abbandonato il mercato del lavoro per dare il via alla creazione di una nuova realtà.

Nello stesso giorno in cui l’articolo veniva pubblicato,l’ Economic Security Project (ESP) (il piano di sicurezza economica, una coalizione di oltre 100 esperti in tecnologia, investitori e attivisti), ha annunciato che stanzierà dieci milioni di dollari nel corso dei prossimi due anni per capire come un “Reddito universale di base” (UBI) potrebbe garantire opportunità economiche a tutti gli americani negli Stati Uniti. A fronte dell’automazione, della globalizzazione e della crescita finanziaria (con il movimento dei capitali), che cambiano la natura del lavoro, sono convinti che si debbano adottare urgentemente misure coraggiose per garantire opportunità economiche a tutti. Con le rivolte populiste che stanno investendo il mondo occidentale, molte altre persone di ogni sfera politica stanno ora valutando l’UBI (“Reddito universale di base”) come un passo coraggioso; in pratica significa dare a tutti un reddito minimo garantito come mezzo per, in teoria, ridurre la povertà e migliorare la salute e l’educazione.

Per me è molto chiaro il fatto che chi è in grado di prevedere il futuro della tecnologia e come questa influenzerà la forza lavoro e l’economia del domani, sia profondamente preoccupato e stia cercando soluzioni di svolta, fuori dagli schemi, per assicurarsi che tutti siano tutelati. Queste persone hanno assolutamente ragione sul fatto che siamo sull’orlo della devastazione, con la crescente disoccupazione in tutto il mondo e gli sconvolgimenti sociali che possono portare direttamente a un’ulteriore intensificazione delle tensioni e infine alla guerra. Tuttavia, il concetto di dare incondizionatamente soldi gratuiti non è il modo per raggiungere l’equilibrio, al contrario, è un errore che costerà pesantemente alla società americana se attuato da solo.

Il denaro gratuito è debilitante

Gli esseri umani e le loro società hanno bisogno di svilupparsi continuamente per prosperare. Siamo naturalmente inclini a trovarci in uno stato di costante ricerca di maggiori obiettivi e maggiori risultati. La persona che non si impegna in uno scopo nella vita, che non ha nulla per cui vivere o morire, diventa insensibile. Non c’è niente di peggio che dare qualcosa a qualcuno prima che effettivamente lo voglia, in quanto blocca la volontà stessa di agire nel perseguimento degli obiettivi desiderati.

Siamo creature alla ricerca del piacere. Tutti noi vogliamo godere delle cose a diversi livelli: cibo, sesso, famiglia, denaro, successo e conoscenza; ma ognuno di noi anela a queste diverse realizzazioni in misura diversa. Molte persone hanno il desiderio basilare prima per il cibo e poi il sesso, sebbene in misura minore. Meno persone sono interessate ad avere una famiglia. Più in alto saliamo questa piramide di desideri, meno persone troveremo in cerca della realizzazione di tali obiettivi. Quindi, se togliamo la sete di denaro, ci saranno frotte di persone là fuori che non saranno molto motivate ad evolversi e il non sapere come passare il tempo le renderà infelici e le farà impazzire. Questo può effettivamente aumentare l’assunzione di droghe e la violenza incontrollata.

L’UBI è una buona idea solo se ci spinge verso lo sviluppo

Come molti stanno cominciando a percepire, in un prossimo futuro sarà necessario un reddito universale di base, in quanto le macchine stanno prendendo sempre più il sopravvento sui posti di lavoro. Solo pochi giorni fa “Amazon ha rivelato il suo ultimo piano di automazione che sterminerà i lavoratori americani”, con il suo negozio futuristico di alimenti controllato da macchinari. Secondo uno studio condotto dal Centro per il Commercio e la Ricerca Economica della Ball State University, l’uso dei robot e di altre automazioni nella produzione, ha causato la perdita dell’88% dei sette milioni di posti di lavoro nelle fabbriche degli Stati Uniti dal periodo di picco impiegatizio del 1979. Con tutte queste prove evidenti è difficile ignorare le conseguenze future. Elon Musk, l’iconico futurista della Silicon Valley, ha predetto: “A causa dell’automazione, esiste una buona probabilità di arrivare al reddito universale di base, o a qualcosa di simile”.

Ma la gente dovrebbe anche essere in grado di lottare per le proprie passioni. Non dovrebbe lavorare solo per pagarsi un riparo, cibo, vestiti e altro; queste cose dovrebbero essere fornite dalla Pubblica Amministrazione. Tuttavia questo non significa che la gente sarà inattiva. Musk prevede che l’UBI darà alla gente il tempo per fare altre cose, cose più complesse e più interessanti. Altri credono che senza l’incertezza di essere in grado di pagare l’affitto e di provvedere alle altre necessità di base, le persone saranno demotivate ad avanzare, né sapranno trascorrere il loro tempo libero in modo produttivo. La ricerca ha confermato questi ultimi concetti.

Quindi, dando denaro gratuito, come possiamo mantenerne i vantaggi e fare altresì in modo che la gente utilizzi il denaro per migliorare davvero, piuttosto che, per esempio, per comprare alcool e droghe? Abbiamo bisogno di creare una motivazione alternativa che tenga le persone occupate e in grado di svilupparsi. Come ho scritto nel mio articolo precedente, sostituendo la motivazione monetaria con l’impiego del tempo in attività didattiche e di formazione possiamo effettivamente trasformare questo cambiamento, altrimenti spaventoso, in una benedizione.

Un nuovo accordo

Per affrontare efficacemente la disoccupazione, abbiamo bisogno di aiutare le persone a trascorrere il loro tempo in modo costruttivo con la creazione di programmi che andranno ad arricchirle e a svilupparle in quanto esseri umani, e dove il ricevimento del reddito di base sarà transitorio. Questi programmi andranno ad occupare le loro giornate con corsi a loro scelta, aiutandole ad espandere la propria conoscenza. Dovrebbero essere forniti gli strumenti per migliorarsi: le capacità personali, i rapporti e le competenze coniugali, la psicologia e la genitorialità; tutto il necessario per vivere bene la vita. Oggi noi non educhiamo le persone, diamo loro solo la conoscenza. Non esiste nessuno che lasciato il liceo, sappia poi come educare i propri figli, come trattare una donna o un uomo. La gente non conosce a sufficienza il mondo e la vita. Ci viene insegnato fondamentalmente solo a leggere e a scrivere; siamo costretti ad imparare cose difficili che non ricorderemo e poi veniamo buttati fuori nel mondo. Questo deve essere corretto.

Un altro aspetto importante che porterà più persone a frequentare i corsi pubblici è quello di essere creature sociali, ma senza la possibilità di interagire con gli altri come ad esempio facciamo sul posto di lavoro, possiamo facilmente perdere la capacità di relazionarci. Oltre a questo, la società americana, come molte altre, è diventata sempre più frammentata e lacerata da divisioni politiche e razziali, e quindi, è un obbligo la creazione di luoghi, non solo per incontrarsi, ma dove ci possiamo veramente connettere e accrescere la cooperazione e la coesione tramite i workshop e i seminari. Questo può portare alla graduale guarigione del tessuto sociale. Come risultato finale di questo arricchimento, le persone saranno incoraggiate ad entrare nella società e a contribuire alla stessa esprimendosi creativamente. Proprio come oggi ci sono mediatori, avvocati e poliziotti i cui posti di lavoro hanno lo scopo di prevenire e curare i conflitti, la gente dovrebbe essere pagata per diffondere le capacità di connessione che ha acquisito, creando un’ulteriore trasformazione sociale.

Insieme a tutti gli effetti positivi di questo processo socio-educativo, il miglioramento delle relazioni può portare anche a grandi vantaggi economici che potrebbero alleviare i costi dell’UBI. Con meno problemi in casa e tassi di criminalità ambientale e sociale più bassi, diminuiranno la violenza e l’abuso di sostanze, così che gli stati e i comuni potranno permettersi di spendere molto meno per le forze dell’ordine e i servizi sociali. L’attenuazione della solitudine e della depressione può migliorare notevolmente la salute e può far risparmiare miliardi di dollari al sistema sanitario. Un aumento generale della cura e della considerazione reciproca può far risparmiare un sacco di risorse che ogni giorno sprechiamo e spendiamo negli sforzi per regolare, legiferare e organizzare le nostre società.

La felicità all’ordine del giorno

Ultimo ma non meno importante, quando le persone passeranno le giornate a connettersi fra loro, ampliando le proprie competenze e conoscenze e servendo la società, diventeranno molto più felici. Questo dovrebbe essere lo scopo per apportare qualsiasi cambiamento nella nostra società.

Eliminare la povertà è parte dell’accordo, ma dare un senso alla propria vita e raggiungere la felicità non sono certo meno importanti. Un nuovo studio di riferimento ha dimostrato come la maggior parte della miseria umana può essere attribuita alle relazioni fallite e ai problemi di salute, piuttosto che ai problemi economici e alla povertà. Eliminando la depressione e l’ansia si ridurrebbe la miseria del 20%, rispetto ad appena il 5% che si avrebbe, nel caso in cui i politici si concentrassero solo sull’eliminazione della povertà. È tempo che la competizione venga rivolta non ad un arricchimento irraggiungibile, ma alla felicità, un traguardo molto più fattibile e salutare.

Questo è ciò di cui le nostre società hanno bisogno. Dopotutto, se guardiamo a come è diventata la società occidentale, possiamo osservare che lavorare tante ore non ci ha reso più felici; è stato molto faticoso per le famiglie e per i bambini, che difficilmente vedono i loro genitori. Siamo diventati dipendenti dai telefoni cellulari e dalla vita artificiale sui social network, mentre la solitudine, la depressione e l’ansia sono a livelli altissimi. In parole semplici, abbiamo creato la nostra vita in modo che pochi ne possano godere effettivamente. Dovremo cambiare tutto questo perché le nostre società si stanno disintegrando. Invece di lavorare dieci ore al giorno solo per vedere i nostri figli per qualche istante prima di coricarci, saremo finalmente in grado di prenderci veramente cura di loro e organizzare il nostro ambiente in modo che si adatti ai nostri obiettivi personali e familiari. Lasciate che le stampanti e i robot si occupino delle necessità e che gli esseri umani si impegnino per migliorare le nostre relazioni e la nostra vita.

Tweet about this on TwitterShare on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn1
Author :
Print

Leave a Reply