Uniting Europe

Il tessuto sociale degli Stati Uniti sta attraversando una dura prova il cui esito è ancora sconosciuto per tutti. Se si guarda alla storia delle agitazioni negli Stati Uniti, è chiaro che la tendenza è in aumento. In passato le dispute non sono certamente mancate. Gli anni 60 e 70 sono stati densi di disobbedienza… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

Il popolo tedesco ha avuto una lunga storia nel trattare il suo passato nazista. Günter Wilhelm Grass, scrittore, poeta e drammaturgo tedesco, vincitore nel 1999 del premio Nobel per la Letteratura è scomparso il 13 aprile. Lui incarna più di ogni altro tedesco l’atteggiamento ambiguo della Germania nei confronti del suo passato. Grass deprecava apertamente… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

  Der Großteil meiner Familie wurde vom Holocaust ausgelöscht. Als ein junges Kind im Nachhall einer solchen Katastroche aufzuwachsen, hat mein Leben in tiefster Weise beeinflusst. Nach Jahren der Suche nach Antworten wurde mir klar, dass es nicht ausreicht, uns und die Welt ständig an das zu erinnern, was passiert ist; wir müssen auch darüber… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

Nelle ultime settimane c’è stato un lungo dibattito. L’oggetto della discussione è stato se il vice presidente degli Stati Uniti Joe Biden disse realmente oppure no alla defunta Golda Meir, primo ministro di Israele, che l’unico posto sicuro per gli ebrei è Israele. Il Jerusalem Post ha riportato che egli disse: “Gente, non c’è altro… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

La majorité de ma famille a été anéantie durant l’Holocauste. Etre enfant et grandir à la suite d’une telle catastrophe a profondément influencé ma vie. Après plusieurs années passées à chercher des réponses, j’ai compris qu’il ne suffirait pas de nous souvenir de ce qui s’était produit, ni de le rappeler au monde ; il… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

  L’Olocausto ha spazzato via gran parte della mia famiglia. Crescere sulla scia di una simile catastrofe ha influenzato la mia vita in modo molto profondo. Dopo anni passati a trovare delle risposte, mi sono reso conto che non possiamo accontentarci di ricordare a noi stessi e al mondo ciò che è accaduto; dovremmo anche… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

Grazie a Dio le elezioni israeliane sono finite. Nei 41 anni che ho vissuto in Israele, il divario sociale e la frammentazione sono andati di male in peggio diventando semplicemente inaccettabili. Ora siamo ad un punto tale che l’unica cosa su cui tutti convergono è che probabilmente le prossime elezioni avranno luogo anche prima che… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

Non si deve sopravvalutare l’importanza delle elezioni appena tenute in Israele. Lo stupefacente 72,3 per cento di affluenza degli elettori sta a dimostrare che questa volta la gente le ha sentite in un modo diverso. Sentivano che stavano scegliendo tra due diverse strade, e ciascuna credeva veramente che la sua fosse l’unico modo per garantire… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman

2015 ha empezado francamente mal. No es que 2014 fuera un camino de rosas, pero queda claro que la escalada de violencia contra los judíos ha entrado en una nueva fase. El 20 de enero redacté una entrada en el blog de The Jerusalem Post indicando que “parece que hemos alcanzado un momento crítico, y… » read more

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

Posted by michaellaitman