Uniting Europe

La depressione è un’epidemia globale. Attualmente oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di depressione ed alle donne viene diagnosticata in misura quasi due volte superiore rispetto agli uomini.

Perché esiste un divario così evidente, fra uomini e donne, nel numero di persone depresse nel mondo?

L’insoddisfazione delle donne, rispetto agli uomini, ha una profonda radice spirituale perché è incorporata nella natura femminile.

Esiste qualcosa che può soddisfare completamente una donna?

Secondo la saggezza Kabbalah, sì.

La realizzazione spirituale

La spiritualità si raggiunge quando la donna, la forza femminile, usa il suo profondo desiderio per spingere l’uomo, la forza maschile, al raggiungimento di un più elevato scopo nella vita. La complementarietà delle due forze opposte, quella maschile e quella femminile, consente la reciproca conquista dell’armonia e dell’appagamento.

La capacità femminile di elevare il mondo ad uno stato superiore è alla base dell’umanità. Proprio come diceva un vecchio adagio: “La mano che fa oscillare la culla governa il mondo”. La natura è progettata in modo tale che l’abilità femminile determini come aggiustare correttamente e dirigere il mondo, cioè come trovare la cooperazione appropriata tra forze maschili e femminili cosicché entrambe funzionino insieme in modo solidale e armonioso.

La sensazione di “mancanza” nelle donne è evidentemente molto più grande di quella degli uomini. Un uomo può trovare soddisfazione più facilmente nei piaceri terreni, per esempio dedicandosi a qualche attività con gli amici.

Una donna desidera più profondità. Vuole calore e amore. Desidera più comprensione e supporto. Il suo modo per sentirsi realizzata è molto più complicato di quello in cui gli uomini si sentono realizzati.

Tutto comincia e finisce con una donna. Lei si sente al centro della realtà, la regina del mondo. Il suo senso di unicità è un sentimento naturale che lei giustamente incarna.

Perché è quasi impossibile per le donne unirsi?

Secondo la saggezza della Kabbalah, è quasi impossibile per le donne unirsi davvero. La loro brama per un maggiore senso di completezza può emergere solo quando forze opposte si sostengono a vicenda in un delicato equilibrio.

Per cui, le forze maschili e femminili richiedono una messa a punto molto precisa affinché emerga una forza intermedia fra loro: la forza dell’amore, della dazione e della connessione. Lo studio della saggezza della Kabbalah si occupa principalmente di come attrarre questa forza per unire le persone e scoprire una realtà eterna e intera in tale connessione. Quando attiriamo questa forza avviene quella che viene chiamata una “correzione” sui nostri desideri egoistici egocentrici, che si oppongono naturalmente alla tendenza a unire, il “clic” necessario per l’unione tra noi e per sperimentare un livello superiore di realtà.

È scritto: “L’uomo, la donna e la Divina presenza fra loro”. La corretta combinazione e funzionalità delle forze maschile e femminile è questa:
1. la forza femminile equilibra la forza maschile attivando la forza maschile attraverso la connessione
2. la forza maschile equilibra quella femminile fornendole forza, comprensione e supporto affinché il femminile si elevi al di sopra della propria natura.
Questa è la reciproca complementarietà che consente alle forze maschile e femminile di funzionare armoniosamente.

Qual è la forza che per prima attiva l’altra: la forza maschile o quella femminile?

È la forza femminile. La necessità e la richiesta di unificazione emergono sempre nella femmina. Il desiderio di una profonda connessione, l’anima, è alla base dell’insoddisfazione e della depressione di ogni donna.

Anche se gli uomini pensano di fare progressi e scoperte grazie alle proprie abilità, in realtà tutte le attività maschili sono per le donne, cioè per essere importanti ai loro occhi. È così che siamo stati creati.

Grazie alle differenze tra i sessi, al di sopra delle quali essi si devono connettere in un tutt’uno, la perfezione è possibile. Non c’è nulla in ognuno di essi che l’altro non integri, poiché nella spiritualità la loro interezza può esistere solo nella reciproca complementarietà secondo il principio “L’amore copre tutti i crimini”.
In altre parole, invece che combattere le nostre differenze e concentrarci sulle differenze tra uomini e donne, abbiamo bisogno di trovare il nostro terreno comune di supporto e comprensione, dove insieme possiamo scoprire un appagamento ed uno scopo molto più grandi nella vita (la rivelazione di come funziona la natura a livelli più unificati) e iniziare a somigliare alle nostre relazioni con la forma propria di completa unificazione della natura.

La sensazione di raggiungere la perfetta unione curerà la depressione, poiché lavoriamo direttamente con la chiave che sblocca le nostre sensazioni negative aprendole a una realizzazione di un tipo completamente nuovo: l’equilibrio con la forma unificata della natura.

Author :
Print

Leave a Reply