Uniting Europe

Non stiamo tornando agli affari come al solito. L’inquinamento atmosferico della Cina è ritornato, poiché le fabbriche stanno funzionando di nuovo a pieno ritmo, ma gli acquirenti non torneranno ai giorni pre-COVID. Per l’America sono in serbo fallimenti e tasse più alte, afferma Larry Fink di BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo; secondo la Reuters, l’Europa probabilmente aumenterà le tasse per coprire le “sovvenzioni per la ripresa post-COVID” e, il mercato del lusso globale, scrive il South China Morning Post, “ha subito un calo del 18%”.

Quindi non stiamo tornando agli affari come al solito. Ma non è solo a causa delle tasse più alte e della disoccupazione. Non stiamo tornando al modo in cui eravamo perché è proprio questo che ci ha portato al punto in cui siamo, cioè prima l’entrata e poi l’uscita dai lockdown, preoccupati per il futuro, incerti per il presente ed in generale disorientati. Molte persone semplicemente non vogliono tornare alle loro vite precedenti; non erano poi così splendide.

Dal momento che la disoccupazione rimarrà alta e molte persone saranno stressate per il denaro, e dal momento che anche coloro che sono impiegati non torneranno a cuor leggero ai giorni precedenti il virus, molte imprese non sopravvivranno. E se abbiamo ancora qualche soldo extra, l’aumento delle tasse e dei fallimenti soffocherà il piccolo impulso che ci rimane per uscire di casa o fare shopping.

La luce alla fine del tunnel

Nonostante tutto quello che ho appena scritto, sono molto contento del punto in cui ci troviamo proprio adesso, anche se vorrei che ci fossimo arrivati in modo più facile.

Comunque sia, siamo finalmente arrivati allo stato inevitabile in cui le autorità devono affrontare il problema. Indennità di disoccupazione e buoni spesa non risolveranno nulla. Decine di milioni di persone sono permanentemente fuori dal mercato del lavoro e la previsione è che i numeri potranno solo crescere.

Ciò richiede una revisione, un ripensamento totale della struttura della società. L’unico modo per evitare un collasso sociale totale, l’esplosione di rivolte violente, l’imposizione della legge marziale e chissà quali altre catastrofi, è fare due cose semplici:

1. Fornire a ogni persona avente diritto a benefici pubblici un sussidio sotto forma di borsa di studio che sostituirà tutti gli altri profitti. La borsa di studio sarà sufficiente per consentire una vita rispettabile, sebbene non sfarzosa. Cibo, abbigliamento, alloggio, assistenza sanitaria, istruzione, alcune attività ricreative e vacanze devono essere una certezza per ogni persona. Questi sono bisogni umani di base, non lussi.

2. In cambio, per poter ricevere il sussidio, ogni persona frequenterà corsi per ricevere informazioni sul mondo in cui viviamo, sia in termini di governance, di finanza di base e di altre abilità, così come informazioni più complete sulla situazione del mondo attuale a seguito della crisi del coronavirus.

L’obiettivo degli studi non è semplicemente quello di educare le persone, benché anche questo sia importante, ma lo scopo è di aiutarli a connettersi socialmente ed emotivamente agli altri, alle loro famiglie, alla loro città e al loro Paese. Le persone che sentono di trovarsi nel posto a cui appartengono non vanno in giro a distruggere la loro città o il loro Paese, soprattutto se le finanze personali sono garantite.

Nel tempo, i laureati del programma diventeranno essi stessi insegnanti poiché sempre più persone si ritroveranno permanentemente senza lavoro. Ma a differenza di oggi, dove i disoccupati spesso si sentono umiliati e perdono l’autostima, il contributo sociale del programma di studi sarà così fondamentale che le persone ne vorranno far parte volentieri .

Più le persone apprenderanno l’importanza della solidarietà, della responsabilità reciproca e di altre risorse sociali, maggiore sarà anche la loro autostima poiché diventeranno membri attivi che mettono in pratica questi valori. Proprio come oggi offriamo servizi sociali e li consideriamo importanti, le persone impegnate in questi studi diventeranno così connesse, così premurose, da cambiare l’intera atmosfera nei loro quartieri e nelle loro comunità. Il loro immenso contributo alla coesione della società sarà così significativo che diventeranno i pilastri della società, la base per costruire comunità sostenibili e felici.

Se questo brillante futuro ci sembra oscuro è perché non abbiamo compreso appieno la profondità della trasformazione che il COVID-19 ha comportato per tutti noi. Ci ha cambiato per sempre. Quando usciremo dall’altra parte del tunnel, saremo grati e forse rimpiangeremo solo il fatto di aver avuto bisogno di una pandemia che ci mostrasse l’ovvio.

Author :
Print

Leave a Reply