Uniting Europe

Le proteste per l’uccisione da soffocamento dell’afroamericano George Floyd, durante un tentativo di arresto, in cui un poliziotto si è inginocchiato sul suo collo per quasi nove minuti, hanno portato a una vera e propria campagna contro la polizia. A New York, il sindaco Bill de Blasio ha annunciato il taglio dei fondi destinati alla polizia e un incremento dei fondi per i servizi sociali. A Minneapolis, dove l’episodio è avvenuto, il comune ha votato per lo scioglimento totale del corpo di polizia.

Rimane poco chiaro lo stato attuale dell’ordine pubblico in questo periodo di rivolte, saccheggi e violenze diffuse in tutto il paese, ma queste decisioni mostrano chiaramente che le autorità hanno perso la fiducia dei cittadini.

Da un lato potrebbe essere vantaggioso che le autorità si rendano conto di essere disconnesse dalle persone che dovrebbero servire. Dall’altro, per riconquistare la fiducia della gente ci vorrà più di una soluzione rivoluzionaria provvisoria, le cui conseguenze non sono state testate.

I cittadini devono sapere che se vogliono rimettere in sesto le loro vite, le autorità esistono per aiutarli. E per costruire questa fiducia c’è bisogno di un nuovo modo di pensare, un nuovo processo di educazione.

In questi giorni, quando ogni trauma diventa una crisi globale, sia si tratti del crollo di una banca, del diffondersi di un virus o della morte ingiustificata di un uomo, la gente deve essere consapevole della propria dipendenza dall’ambiente sociale e, in qualche modo, le autorità devono offrire protezione contro cataclismi inaspettati. Quindi le autorità, il governo federale, il governo statale o i consigli comunali dovrebbero avviare un piano che combini apprendimento e guadagno.

Dato l’elevato livello di disoccupazione che continuerà a crescere (forse con qualche oscillazione), i candidati ideali per questo programma sono proprio le persone senza lavoro, i disoccupati.

Questi riceveranno un sussidio sufficiente per mantenere sé stessi e la famiglia a condizione che partecipino a corsi che varieranno dalla gestione delle finanze personali alla comprensione del posto dell’individuo nel mondo globale.

I corsi dovranno essere formulati in modo che i partecipanti non imparino a conoscere solo il sistema mondiale interconnesso che determina la nostra vita attuale, ma anche come essere membri propositivi e attivi al suo interno. I corsi dovranno aumentare il senso di responsabilità dell’individuo verso la comunità, la città e sostanzialmente verso la nazione. Nello stesso tempo la nazione, la città e la comunità devono provvedere ai bisogni dei cittadini e fornire una base finanziaria.

Se la presenza di persone senza dimora è segnale del malessere di tutta la comunità, allo stesso modo, quando la gente crede che saccheggiare e incendiare le proprietà altrui sia un modo legittimo di esprimere la propria rabbia, ciò indica il livello di alienazione e indifferenza della società. Questo è il motivo per cui i corsi devono far crescere il senso di appartenenza, di interconnessione e di responsabilità verso la propria comunità, città, stato e nazione.

Dal punto di vista delle autorità questi corsi non dovrebbero essere considerati un servizio ma piuttosto un investimento. Il calo del tasso di criminalità, dell’abuso di droghe, della violenza e degli abusi, della depressione e di altri disturbi mentali non farà che compensare ampiamente i fondi investiti nei programmi di apprendimento e guadagno. I fondi che si avranno a disposizione di conseguenza potranno essere reinvestiti in servizi per la comunità e in attività per valorizzare ulteriormente la solidarietà.

Per portare l’intera comunità ad una mentalità solidale e responsabile, anche i lavoratori dovrebbero sentire “il dovere della formazione”, simile all’attuale “dovere del giurato”. Tuttavia avranno un compenso per il tempo impiegato nel corso, a condizione che superino tutti gli esami.

Soltanto attraverso un enorme sforzo complessivo per costruire nuovi valori nella comunità, assicurando allo stesso tempo il sostentamento delle persone, gli Stati Uniti potranno evitare il caos totale. In questo momento, si trovano sull’orlo della follia e occorre un’azione urgente.

Author :
Print

Leave a Reply