Uniting Europe

Pensavamo di riuscire a sconfiggere il COVID-19 restando a casa per un paio di mesi e mantenendo le distanze sociali. Ci siamo sbagliati di grosso. Appena allentato il lockdown, il virus è tornato con una forma di contagio “quasi 10 volte superiore” secondo gli scienziati dello Scripps Research in Florida. Non ci sarà tregua finché non capiamo il suo messaggio: è ora di riformare la civiltà umana.

Questo è un elenco parziale di paesi in cui il numero dei contagiati è di nuovo in aumento: Stati Uniti, Russia, Francia, Israele, Argentina, Brasile (che non è mai entrato in lockdown realmente), Cina, Germania, e Corea del Sud (precedentemente esempio di successo). Ovunque guardiamo la tattica del “resta a casa finché non passa” sta fallendo miseramente e la nuova ondata indica che continuerà a fallire. Non ci resta che un’unica opzione: ristrutturare i nostri paesi in modo che tutti ricevano il sostentamento di base mentre imparano come funziona il mondo. Ogni paese che non adotterà questo metodo sarà destinato a subire un crollo sociale, politico ed economico totale.

Sarà impossibile riaprire attività e centri commerciali perché diventerebbero dei focolai di contagio. Secondo Bloomberg: ” un terzo dei licenziamenti negli USA rischiano di diventare permanenti” . Io credo che Bloomberg sia fin troppo ottimista. Visto che il virus non permetterà la riapertura, le imprese semplicemente chiuderanno insieme a tutte le attività che dipendono da loro. Nel prossimo futuro quasi metà dell’America rimarrà senza reddito e senza la possibilità di trovarne uno. Le ricerche di Bloomberg Economics indicano che, col tempo, la percentuale di americani senza entrate potrà solo aumentare, “dato che le imprese, dai produttori ai rivenditori, si dovranno adattare ad un mondo post-virus eliminando ulteriori posti di lavoro”
E considerando che il virus non è scomparso, l’impatto sul mercato del lavoro sarà ancora più devastante delle attuali previsioni.

E’ quindi necessario che ogni governo e comune si attivi immediatamente per impedire il crollo del sistema che seguirebbe a tale incubo di licenziamenti in massa. In questo stato di incertezza, la paura fondamentale delle persone sarà la fame e la perdita di un tetto. Il governo, da parte sua, deve implementare misure tempestive per assicurarsi che tutti abbiano acqua, cibo, energia e un posto dove vivere. Se la gente viene abbandonata a se stessa, senza sostentamento, ci saranno disordini talmente estesi che le proteste per George Floyd saranno niente a confronto.

In più, sarà compito dei governi e delle autorità locali informare i cittadini che la situazione è cambiata e che le loro vite non torneranno ad essere come erano prima del Marzo 2020. La gente dovrà essere informata sul significato di vivere in un mondo dove sono pochi a lavorare e, che quelli che lo fanno, provvedono al mantenimento di tutti gli altri. Il resto delle persone faranno ciò che avremmo dovuto iniziare a fare tanto tempo fa: comunicheranno tra di loro.

Una volta che le nuove strutture, istituite dalle autorità, avranno garantito il nutrimento per tutti, il resto della popolazione passerà l’abbondanza di tempo libero a disposizione semplicemente socializzando. Dopotutto, è proprio questo il vero senso dell’ essere umano. Non ci sarà alcun motivo di competere per i posti di lavoro, nessuna causa per rivalità commerciali; l’unica cosa che le persone dovranno fare è parlare tra loro e scoprire quanto sia davvero meraviglioso stare insieme, ogni razza, ogni colore, ogni persona. Anziché lottare, la gente troverà il nuovo significato della vita nella connessione con gli altri piuttosto che nella competizione contro tutti per arrivare in alto, esausti, spaventati e soli.

Per assicurarsi che la gente riceva le informazioni necessarie per vivere nella civiltà della connessione, le autorità dovranno concordare l’erogazione di tutti i sussidi in base alla partecipazione all’apprendimento di come vivere in questa nuova società. In questo modo, le persone potranno soddisfare i loro bisogni fisici, intellettuali ed emotivi, tramite il sistema. Sorgerà una nuova società, più rapidamente di quanto pensiamo, dove non ci sarà più spazio per l’intolleranza e per l’odio; l’occupazione principale delle persone sarà l’amicizia. E se queste parole possono sembrare fantascienza, ricordate cosa pensavate della vita a febbraio, e cosa pensate adesso…

Author :
Print

Leave a Reply