Uniting Europe

In un modo o nell’altro, le nostre vite quotidiane sono profondamente influenzate dalle maggiori aziende tecnologiche statunitensi. Le informazioni a cui siamo esposti, ciò che consumiamo e le nostre interazioni virtuali dipendono in gran parte dalle piattaforme online, che hanno affrontato recentemente un interrogatorio presso la Corte Suprema riguardo al modo in cui fanno affari. I CEO di Amazon, Google, Facebook e Apple hanno cercato di confutare le accuse di parzialità nella moderazione dei contenuti, di violazione della privacy e di dominio del mercato per ostacolare la concorrenza. Ma la domanda ancora senza risposta è quanto stanno contribuendo ad avvicinare le persone. Qualsiasi udienza che non avvii un tale cambiamento sarà superficiale e insignificante.

La profondità della sfiducia americana verso questi giganti della tecnologia è stata rivelata in uno studio condotto da parte della Pew Research a giugno. Il 72% degli adulti statunitensi consultati nel sondaggio afferma che le grandi aziende tecnologiche hanno troppo “potere e influenza” in politica. All’inizio di quest’anno, un altro sondaggio ha rilevato che il 65% delle persone considera svantaggiosa per gli utenti l’espansione dell’industria rispetto ai concorrenti più piccoli.

Anche il modo con cui i social gestiscono le informazioni considerate inaffidabili e dannose è discutibile. Per protesta, oltre un migliaio di aziende hanno ritirato le loro pubblicità da Facebook per boicottaggio, a causa delle accuse di mancato intervento della piattaforma mediatica contro i discorsi di odio.

Innescare il fuoco dell’amore
La vita pubblica americana è dominata dall’odio e dalla mancanza di coesione sociale da tutte le parti. I crescenti disordini di Portland e in altre grandi città, oltre al grave scisma politico che ha incendiato l’America negli ultimi anni, sono un fuoco che non si placherà fino a quando tutte le parti interessate non troveranno un terreno comune in cui poter superare le loro differenze e costruire fiducia reciproca e comprensione.

È proprio l’atmosfera turbolenta in America che offre alla gente un’occasione interessante di aprire gli occhi sul bisogno urgente di unità sopra tutte le divisioni, perché l’alternativa è rischiosa per tutti. È scritto: “L’odio suscita conflitti e l’amore copre tutti i crimini” (Proverbi, 10:12). In altre parole, il tempismo è essenziale per creare le condizioni necessarie ad avvicinarsi l’uno all’altro senza cancellare le nostre differenze, costruendo una coperta di fratellanza e rispetto sopra di esse per permettere calma e pace.

I giganti dell’informazione tecnologica potrebbero svolgere un ruolo essenziale nel facilitare la vicinanza, l’empatia e il supporto reciproco tra le persone, sebbene le condizioni attuali create da queste piattaforme abbiano lo scopo opposto. Sono caduti preda di interessi politici, diffamazione, bullismo ripugnante e umiliazione. Ma la natura stessa sta tracciando una linea rossa su tutto ciò che non promuove la connessione qualitativa al di sopra della separazione e delle lacune.

La tecnologia della connessione
L’attuale pandemia ha plasmato una nuova realtà in cui le relazioni umane equilibrate sono l’unico modo per l’umanità di poter raggiungere stabilità e prosperità. Pertanto, il mondo è entrato nell’era di una nuova visione del dare reciproco con tutti i suoi tentativi.

Abbiamo bisogno di piattaforme tecnologiche che illustrino in modo semplice come diventare connessi correttamente. Il fallimento o il successo di un’attività dipenderà dalla sua capacità di soddisfare e facilitare il bisogno dell’umanità di arrivare all’obiettivo fondamentale di raggiungere l’unità.

Le menti prodigiose dietro le società tecnologiche possono e devono applicare le loro capacità per lo sviluppo di software dedicati alla connessione, includendo simulatori di relazioni umane auspicabili e le modalità per realizzarle. L’idea è di visualizzare una perfetta coesistenza e interdipendenza in cui gli individui funzionino come ruote dentate imparando i passi per realizzare questa visione di integrazione ideale tra le persone. Per conseguire questo obiettivo, il soggetto seguirà un processo graduale su più livelli di avanzamento fino a quando ognuno si sentirà tranquillamente connesso.

Le aziende che sviluppano software e mezzi per far progredire l’umanità sono il futuro poiché il vecchio paradigma della concorrenza spietata è diventato irrilevante in una realtà sempre più interdipendente. Pertanto, ciò di cui il mondo ha più bisogno in questo momento è un’esistenza più coesa. La nostra visione comune e il nostro lavoro in questa direzione sono ciò che garantirà prosperità e pace per tutti.

[I testimoni CEO di Amazon Jeff Bezos, CEO di Facebook Mark Zuckerberg, CEO di Google Sundar Pichai e CEO di Apple Tim Cook hanno prestato giuramento prima di un’audizione della Sottocommissione giudiziaria della Camera per il diritto antitrust, commerciale e amministrativo su “Piattaforme online e potere di mercato”, nel Rayburn House office Building, Capitol Hill, Washington, U.S., July 29, 2020. Mandel Ngan/Pool via REUTERS]

Author :
Print

Leave a Reply