Uniting Europe

Interi quartieri sono avvolti dal fuoco e migliaia di persone sono state evacuate dalle loro case in California. Uno storico e insolito temporale estivo con rari e violenti colpi di fulmine insieme a un caldo da record hanno innescato devastanti incendi in tutto il Golden State. La Death Valley ha riportato temperature di 130 ° F (54,4°C) quella che si ritiene la temperatura più alta mai registrata sulla Terra e questo è attribuito al cambiamento climatico. Altri disastri naturali in tutto il mondo mettono in pericolo la nostra stessa esistenza. Che cosa sta cercando di dirci la natura? Il suo messaggio è chiaro. Siamo ospiti indesiderati su questo pianeta, a meno che noi esseri umani non cambiamo.

Il riscaldamento globale non solo causa incendi, problemi agricoli, carenza d’acqua e mette a rischio di estinzione alcune specie; è anche considerato responsabile dello scioglimento irreversibile dei ghiacciai in Groenlandia e in altri luoghi, innalzando pericolosamente il livello del mare. Si dice che ci siano azioni che possiamo intraprendere per contrastare il riscaldamento globale, come la riduzione delle emissioni di gas nel settore industriale, ma ci sono così tanti interessi economici e personali che effettivamente si fa molto poco.

Se l’ecosistema continua a deteriorarsi a un ritmo così rapido, metà dell’umanità potrebbe estinguersi e la metà che sopravviverà dovrà cambiare il suo modo di vivere da capo a piedi. Continuare il nostro approccio di “fare affari come sempre”, nonostante il grido della Terra, è estremamente pericoloso.

L’uomo è una creatura molto delicata. Abbiamo bisogno di tante condizioni per vivere e così tanti fattori ci influenzano: terremoti, tempeste, pestilenze. I problemi che affrontiamo sono di portata mondiale; pertanto, le soluzioni richiedono un pensiero globale. Sì, pensando. Tutto inizia con i nostri pensieri.

Le persone pensano solo a sé stesse, a cosa le infastidisce oggi e cosa può produrre grandi profitti. Peraltro, le organizzazioni internazionali, che dovrebbero salvaguardare il nostro pianeta, falliscono ripetutamente la prova. Ogni paese è impegnato nello sviluppo di armi e di potere economico, combattendo gli altri in tutti i tipi di arene e pensando che è questo il modo con cui si otterrà il controllo. Se un disastro ecologico non ci colpisce direttamente, non ci interessa.

Non ci siamo ancora resi conto che il nostro pianeta è la nostra casa comune e qualunque cosa accada al suo interno ha una catena infinita di reazioni che alla fine ci toccheranno. Un giorno dovremo capire che i problemi iniziano con la natura egoista dell’uomo, che opera da una visione individualista, centrata sull’io, sfruttatrice e ristretta che vuole tenere tutto per sé. Finché non trascendiamo i confini individuali e nazionali e non iniziamo a pensare globalmente, nulla ci aiuterà.

A volte è il turno di alcuni paesi di subire disastri naturali e poi è il turno di altri. Ma nel complesso, non ci sarà luogo sulla Terra che non dovrà affrontare problemi. Il coronavirus è il primo disastro globale, con molti altri in attesa dietro le quinte, se necessario. È il modo con cui la natura ci fa sentire sulla nostra pelle che siamo tutti parte di un sistema.

Gli incendi distruttivi bruciano tra di noi

Le calamità ambientali fanno credere alla gente che la natura sia impazzita, ma non è così. Si comporta semplicemente secondo le leggi di causa ed effetto del sistema integrale in cui viviamo, un sistema che lega insieme tutti i dettagli della realtà. Ciò che accade all’interno della Terra, sulla sua superficie e all’intero universo è legato e interconnesso perché la natura è una.

Gli uomini, da parte loro, devono comprendere che lo stato della natura dipende dalle relazioni tra esseri umani e dalla volontà di adattarsi all’integralità della natura, cioè prendere solo ciò che è necessario per la sopravvivenza e avere cura del buon funzionamento dell’intero sistema, invece di considerare solo calcoli egoistici.

Come si collegano le relazioni umane con ciò che accade in natura? Ci sono quattro livelli in natura: inanimato, vegetale, animato e umano. Tutto tranne l’uomo esiste secondo le leggi di reciprocità ed equilibrio con la natura. Gli altri livelli non hanno libera scelta in niente; agiscono istintivamente prendendo solo ciò che è necessario per la loro sopravvivenza. Al contrario, il livello umano è l’unico che commette atrocità sulla Terra e lo fa intenzionalmente, consapevolmente, al fine di causare danno. Quindi, tutte le reazioni negative che riceviamo dalla natura sono solo una conseguenza delle nostre azioni. In poche parole, siamo noi a portare questi colpi a noi stessi.

Ad oggi, l’umanità non ha un piano concordato per salvare il pianeta e stiamo piuttosto solo spegnendo gli incendi. E la verità è che gli incendi più distruttivi che dobbiamo spegnere sono quelli che bruciano dentro di noi, nelle nostre relazioni reciproche. L’ego dell’uomo ha quasi raggiunto il punto di infiammabilità, brucia la natura solo per sfruttare tutto a proprio vantaggio.

Se proviamo a costruire un sistema armonioso di relazioni umane, tutta la natura si calmerà. La soluzione globale ai pericoli ecologici e sociali che affrontiamo risiede negli sforzi verso una connessione globale in cui sentiremo quanto siamo dipendenti da ciascuno. Pertanto, ci penseremo due volte prima di coinvolgerci in maltrattamenti reciproci. Quindi, solo attraverso la responsabilità reciproca raggiungeremo il giusto stato d’animo per salvare la nostra casa comune e vivere in modo sicuro e felice sotto lo stesso tetto: il nostro pianeta.

Author :
Print

Leave a Reply