Uniting Europe

Martedì mattina, 11 settembre 2001, l’America subì il peggior colpo al suo orgoglio dai tempi di Pearl Harbor. In quel fatidico giorno, diciannove anni fa, diciannove terroristi dirottarono quattro aerei di linea passeggeri. Fecero schiantare due aeroplani contro le Torri Gemelle a New York distruggendo il World Trade Center, spinsero un terzo aereo di linea contro il Pentagono (quartier generale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti) incendiandone l’ala occidentale e fecero volare il quarto aereo di linea verso Washington DC. In quell’ultimo aereo, l’eroismo dei passeggeri, che hanno combattuto contro i terroristi, ha impedito un disastro ancora più grande e l’aereo si schiantò in un campo a Stony Creek, in Pennsylvania. Tremila vite perse, 25.000 persone rimasero ferite e innumerevoli altre hanno sofferto e continuano a subire gravi conseguenze per la salute a causa di quello che è diventato l’attacco terroristico più letale della storia umana.

Ha lasciato non solo l’America, ma il mondo intero sotto shock. Nessuno sentiva l’America vulnerabile, certamente non nel suo territorio e nemmeno nei suoi punti più sensibili e cruciali. Chiunque fosse abbastanza grande per capire un notiziario non dimenticherà mai dov’era quando ha saputo cosa era successo.

Per molte persone, il crollo delle torri ha significato molto di più del dolore per vite perse e rovinate. Ciò implicava che il 21° secolo sarebbe stato molto diverso da quello precedente e che non era di buon auspicio per l’America.

Gli Stati Uniti hanno fatto tutto il possibile per impedire un altro 11/09 (undici settembre), come quel giorno è diventato noto. Ha rafforzato la sicurezza degli aeroporti e degli aerei e ha lanciato una massiccia caccia all’uomo in Afghanistan, dove si nascondeva Osama Bin Laden, leader di al-Qaeda, l’organizzazione responsabile degli attacchi. Nel 2011, dopo quasi un decennio di frenetiche ricerche, Bin Laden è stato trovato e ucciso.

Le misure di sicurezza hanno aiutato e un secondo 11/09 non si è verificato, e non perché i terroristi non abbiano tentato di eseguirne un altro. Ma per quanto riguarda lo stile di vita americano, nulla è veramente cambiato. Qualsiasi evento, soprattutto traumatico, unisce le persone. Per questo motivo, anche le circostanze più tragiche possono produrre risultati positivi e costruire una società più solida e coesa.

Per un po’, l’America si è unita. Il popolo si è schierato dalla parte Presidente quando ha lanciato la campagna contro Bin Laden e quando il governo ha introdotto misure di sicurezza sempre più severe. Ma l’unione non è durata e non è andata da nessuna parte in senso positivo.

Le cose più colpite durante l’attacco sono state le due risorse più preziose dell’America: il denaro e il potere militare. Così venne versato denaro in abbondanza per ripristinare la forza militare e per ricostruire il World Trade Center, ma non fu fatto nulla per nutrire il senso di famiglia appena nato, la sensazione che “In questo siamo insieme, tutti gli americani, come una nazione”. Non fu fatto nulla per innaffiare il germoglio, che si è appassito ed è morto. Oggi stiamo assistendo alle fasi finali della sua disintegrazione.

Lo scrittore Robin Wright ha espresso in modo eloquente la sensazione che l’America sta andando in pezzi in una recente colonna sul The New Yorker: “Gli Stati Uniti si sentono come se si stessero disintegrando. Non è solo per una stagione elettorale velenosa, una crisi nazionale di etnie, per disoccupazione e fame nella terra delle opportunità o per una pandemia con decine di migliaia di morti ogni mese. Le fondamenta della nostra nazione hanno crepe sempre più profonde, forse troppe per poterle riparare a breve, o forse per nulla. Le idee e l’immaginario dell’America affrontano sfide esistenziali … che non vengono più solo dai margini.

La rabbia consuma molti in America. E potrà solo che peggiorare dopo le elezioni… indipendentemente da chi vincerà. Le nostre spaccature politiche e culturali hanno generato dubbi crescenti sulla stabilità di un paese che a lungo si è considerato un’ancora, un modello e un’eccezione per il resto del mondo “.

L’intuizione di Robin è morta; non c’è riparazione alle fessure. Ma non è destino. Le persone si allontaneranno ulteriormente l’una dall’altra col passare del tempo, poiché questa è la traiettoria dell’evoluzione dell’ego e nessun paese coltiva l’ego come l’America.
Una soluzione si troverà solo se le persone decideranno che l’unità della nazione è più importante per loro della supremazia del loro punto di vista. Al momento, non lo vedo possibile. Spero e prego che l’America dimostri che ho torto e che il popolo americano si innalzerà al di sopra dei numerosi conflitti e colmerà gli abissi profondi della società. Tuttavia, senza capire che cancellare l’altra parte cancella anche loro, non vedo quale sarà l’impulso che li spingerà a salvare il loro Paese dal collasso.

Author :
Print

Leave a Reply