Uniting Europe

L’aspra divisione politica americana sta mettendo a dura prova le relazioni. Mentre una metà della nazione celebra con esuberanza, l’altra metà è depressa e frustrata per questioni di brogli nel processo elettorale. Le spaccature su leadership, direzione e visione della nazione sono più profonde e stanno causando una rottura sociale tra due campi opposti. Sarà possibile trovare un terreno comune nelle circostanze attuali? Certamente è possibile perché non abbiamo altra alternativa. È una questione di importanza esistenziale.

Un sondaggio recente condotto da un istituto di ricerca indipendente ha rivelato che 8 repubblicani su 10 credono che il Partito Democratico sia stato preso dai socialisti, invece 8 democratici su 10 pensano che il Partito Repubblicano sia stato preso dai razzisti. Entrambe le parti, ciascuna dalla propria prospettiva, ritengono che i valori fondamentali e il carattere della nazione non siano solo in gioco, ma a rischio.

Le amicizie sono state lacerate come conseguenza delle divergenze politiche. Lo stesso è accaduto in famiglie i cui membri hanno opinioni opposte su quale candidato e partito abbia le qualità e le politiche più appropriate per ricoprire la più alta carica degli Stati Uniti. La corsa presidenziale del 2020 mostra che le opinioni su chi sia più adatto a diventare non solo il Comandante in Capo, ma il cosiddetto “leader del mondo libero”, hanno distrutto legami forti e decennali. Tali segnali di erosione nelle relazioni come questi sono stati individuati in un’analisi condotta dal Pew Research Center prima delle elezioni. L’indagine ha rivelato che la maggior parte degli elettori di Trump e Biden ha affermato di avere “solo pochi” o “nessun amico” che sosteneva il candidato dell’altro partito politico.

Se è vero che il nostro ambiente influenza opinioni e decisioni personali, nel profondo ogni persona nasce con tendenze e preferenze specifiche. Dalla nascita siamo predisposti verso un lato specifico, a sinistra o a destra. L’umanità è stata creata con questa naturale divisione simmetrica in cui ogni parte crede con tutto il cuore che la sua prospettiva sia quella giusta e l’altra parte sia completamente sbagliata. In breve, non esiste una sola idea al mondo adatta a connettere ogni singola persona. La verità condivisa può essere trovata solo nel terreno in mezzo ai due opposti.

Proprio come la Terra ha un Polo Nord e un Polo Sud, la natura divide le persone in due gruppi uguali (come stiamo vedendo ora negli Stati Uniti, per esempio) per uno scopo. Sia la sinistra che la destra si rafforzeranno nelle loro posizioni opposte. Perché? Perché questa polarità tra destra e sinistra rivelerà finalmente agli americani la necessità di costruire insieme il loro futuro, la necessità di scoprire il percorso tra i due poli che permetterà a tutti di prosperare. Le posizioni contrastanti riveleranno insieme un denominatore comune che ora non esiste. Si rivelerà veramente la radice di tutta la realtà: una forza capace di bilanciare le parti opposte per aprire lo spazio a una pacifica convivenza.

Tutte le forme possibili di realtà devono completarsi a vicenda piuttosto che cancellare le altre. L’appagamento per tutti è possibile solo nella via di mezzo che emerge tra gli opposti. Se le persone capiscono che il progresso generale di tutti è possibile solo in questa “linea di mezzo”, o terra di mezzo, percepiranno i loro avversari in modo diverso. Se vedo che ogni evento negativo e positivo accade solo per spingermi verso uno scopo più elevato, tratterò entrambe le parti con uguale rispetto, come hanno scritto i saggi, “l’amore coprirà tutte le trasgressioni” (Proverbi 10:12). La riconciliazione nell’attuale stato di opposizione politica si può trovare nella ricerca di un comune “punto giusto” per il reciproco vantaggio, dove nessuno si arrende ma tutti cedono, al fine di realizzare l’ideale condiviso di una nazione fiorente e di una società in armonia.

Author :
Print

Leave a Reply