Uniting Europe

In passato, era compito dell’uomo mantenere la famiglia. Nel ventesimo secolo, in particolare dopo la seconda guerra mondiale, le cose sono cambiate, e oggi esiste molta più uguaglianza tra uomo e donna, almeno per quanto riguarda il mantenimento della famiglia. La traiettoria era orientata ancora più verso l’uguaglianza, ma il covid ha spezzato le nostre vite, scombussolando tutto. Con la chiusura degli uffici ovunque, la gente che lavora sempre più in smart working o perde addirittura il posto di lavoro, l’umanità sembra stia per imbarcarsi verso la prossima rivoluzione sociale: la transizione verso connessioni spirituali.

Con la crescente uguaglianza, è diventato evidente che gli uomini non sono più sicuri del loro ruolo all’interno della famiglia, nelle relazioni con le partner e spesso nella vita. Anche le donne stanno diventando insicure sul ruolo che dovrebbe avere l’uomo nella loro vita. L’uomo non deve più andare a caccia, anche metaforicamente, ovvero mantenere la famiglia e non può di fatto proteggerla dalle tempeste del mondo esterno che è diventato non solo ostile, ma anche troppo complicato da gestire.

Quindi, se l’uomo non può fornire sostentamento né protezione, il mondo ha davvero bisogno di lui? Sì, perché dopo la soddisfazione dei bisogni materiali, entrano in gioco quelli spirituali e richiedono soddisfazione non meno di quelli materiali. Quando si tratta di temi spirituali, ogni sesso ha il suo ruolo specifico. Dato che abbiamo bisogno di entrambi i sessi per completare la società in senso spirituale, l’uomo e la donna stanno diventando ugualmente importanti, completamente opposti, eppure complementari e indispensabili.

Anziché lottare, il compito dell’uomo si baserà maggiormente sulle relazioni reciproche, ovvero sulla formazione di connessioni positive piuttosto che relazioni combattive e competitive. Inoltre, alla luce della situazione e del fatto che l’istruzione scolastica sarà sempre più a distanza, l’uomo dovrà diventare più attivo in casa, in particolare per quanto riguarda l’educazione, sia in termini di insegnamento di valori, sia per quando riguarda l’acquisizione e di conoscenze e l’insegnamento di materie scolastiche.

Quando parliamo di spiritualità, spesso immaginiamo posizioni yoga, meditazione e altre cose simili. Non è questo che intendo. Mi riferisco più allo spirito della società, alla sua atmosfera. Certo, sia l’uomo che la donna svolgeranno una parte essenziale nel nutrire lo spirito della società, ma l’uomo, che una volta era abituato alla competizione, dovrà ora trasformare il proprio modo di pensare e imparare a sostenere gli altri per rafforzare la società.

Tutto sommato, la nostra felicità dipende dalla società in cui viviamo. Se questa società promuove valori di solidarietà e responsabilità reciproca, le persone si sentiranno responsabili per la loro società e vorranno contribuire. La popolazione, quindi, sarà più felice, più stabile emotivamente, più sicura.

L’uomo dovrà assumere un ruolo attivo nel processo, partecipare maggiormente alle attività della comunità ed essere più coinvolto. L’era in cui il successo veniva misurato in base al reddito o al successo lavorativo sta rapidamente giungendo al termine. Ci stiamo imbarcando verso una nuova era sociale, dove la gente verrà valutata in base al contributo per la società. Specialmente ora, quando vediamo che la cosa principale nei paesi è la rottura della società, l’abilità di costruire comunità e società solide diventerà il prodotto più richiesto. Di conseguenza, la virilità deve adattarsi a questo nuovo significato, più sociale, collaborativo e unificante.

Author :
Print

Leave a Reply