Uniting Europe

Che ci piaccia o meno, viviamo online. Restare a casa ha assunto proporzioni globali dopo più di anno di pandemia. Ora è più evidente che mai che siamo tutti collegati l’uno all’altro in modo interdipendente e che ci influenziamo costantemente tra di noi attraverso vari strumenti di comunicazione e piattaforme. Come possiamo trarre il meglio da questa nuova realtà? Il beneficio ottimale lo otterremo mettendo gli “occhiali” adatti, per esaminare la natura delle nostre nuove relazioni.

La chiusura prolungata dei luoghi di lavoro e delle attività commerciali, come conseguenza della crisi estesa causata dal COVID-19, ha trasformato l’occupazione e lo stile di vita di milioni di americani e di persone in tutto il mondo, che ora lavorano, studiano, comunicano e socializzano in maniera virtuale. Si prevede che la vita online rimarrà parte integrante della nostra vita a lungo termine, anche dopo che la crisi sanitaria sarà terminata. Una recente ricerca del Pew Research ha rivelato che nel 71% delle persone intervistate, che lavorano a tempo pieno da casa, il 54% vorrebbe continuare a farlo anche quando la pandemia sarà sotto controllo, se gli venisse offerta la possibilità.

Dato che potremmo non ritornare interamente a ciò che definiamo una vita “normale”, sarebbe opportuno imparare a vivere in questo nuovo ambiente in maniera corretta e significativa. Immaginate dei fili invisibili che connettono tutti i cuori, le menti, i desideri e i pensieri, in connessione tra ogni persona e ogni cosa. Questa rete di connessioni ha due stati possibili: uno stato iniziale naturale e uno più avanzato che dobbiamo raggiungere attraverso la scelta e il riconoscimento proattivo.

Nella prima situazione, le persone all’interno della rete, sentono soltanto i loro interessi e cercano di usare gli altri per soddisfare i propri desideri. Un approccio egocentrico del genere riempie la rete di un’atmosfera negativa e di un senso distruttivo di competizione, controllo, divisione e odio. Fondamentalmente, nessuno dorme tranquillo; tutti soffrono in una maniera o in un’altra.

Nella situazione più avanzata, le persone iniziano a sentire la loro appartenenza ad una collettività con un obiettivo comune e che sono completamente dipendenti l’uno dall’altro. Le relazioni tra i membri della collettività si basano sulla reciprocità, sul completamento, sul dare e sull’amore. La definizione di successo, nel secondo scenario è comune e ognuno cerca di fare il meglio per gli altri.

Queste due situazioni sono totalmente opposte tra loro. Il mondo percepito nel primo stato è un mondo difficile, mentre nel secondo è un mondo meraviglioso. Chi è che determina dove vivrò? Sono io, attraverso il mio atteggiamento verso gli altri!

Se mi relaziono con gli altri attraverso una visione egoistica di autogratificazione, vivrò come sempre, in un mondo dove le nostre relazioni si deteriorano ogni giorno di più. Ma se riesco a sviluppare un atteggiamento al di sopra del mio egoismo personale e ad includere le preoccupazione degli altri, allora si rivelerà davanti ai miei occhi un mondo capovolto, più elevato e positivo. Il motivo per cui non lo sento è che non ho ancora sviluppato gli attributi necessari per comprenderlo. In un certo senso è simile al modo in cui funzionano le trasmissioni radio: ciò che determina quale stazione ascolterò è la frequenza interna alla quale il mio dispositivo è sintonizzato.

La rete in cui viviamo è la stessa, le connessioni tra di noi esistono già, che le percepiamo o meno. Se riesco a sviluppare una nuova natura attraverso “ama il prossimo come te stesso”, tratterò gli altri con amore e considerazione, inizierò a sentire che in questa rete di relazioni c’è una linea elettrica eterna e completa che mi riempie di ogni bene.
Questa fonte di potere ci dirige perfettamente e chiarisce la nostra comprensione al fine di rivelare che la vita ha uno scopo molto elevato, che nessuna persona o cosa può ostacolare. Se questo cambiamento di atteggiamento viene messo in pratica nelle relazioni umane, illuminerà l’ambiente virtuale e ci renderemo conto che ogni momento della nostra vita diventerà un’opportunità di connetterci con la forza dell’amore, che colma tutta la creazione con il tocco di un dito.

Author :
Print

Leave a Reply