Uniting Europe

Business Insider ha scritto che un rapporto dell’ Oxfam International ha scoperto che, tra il 18 marzo e il 30 dicembre 2020, la ricchezza delle dieci persone più ricche del mondo è aumentata di 3,9 trilioni di dollari. Secondo il rapporto, questo guadagno da solo, fatto da queste dieci persone in meno di dieci mesi “Potrebbe far si che tutti si vaccinassero e rimanessero fuori dalla povertà”.
Allo stesso tempo, il rapporto stima che “tra 200 e 500 milioni di persone potrebbero essere cadute in povertà durante il 2020”. Deve davvero essere così?

Abbiamo costruito un mondo che non valorizza altro che il denaro e il potere. Il denaro concede potere, che permette di acquisire più denaro, che concede ancora più potere. Così alla fine il denaro fa girare il mondo. E dietro la smania per il denaro c’è l’ego, il motore della civiltà. Abbiamo incoronato l’ego e lasciato che costruisse la nostra società a sua immagine e ora stiamo pagando il prezzo per averlo adulato.

Joe Biden programma di aumentare le tasse sui ricchi per bilanciare il carico sul popolo e finanziare parte del disastro finanziario causato dal Covid-19, ma non credo che funzionerà, non in una società dove i ricchi sono i potenti.

Se Biden si spinge troppo oltre, possono semplicemente toglierlo di mezzo.
Per quanto tempo i soldi faranno girare il mondo? Finché tutti noi non capiremo che inchinarsi all’ego non è la soluzione. Le cose continueranno ad andare di male in peggio finché non cambieremo il nostro modo di vivere, il nostro stato d’animo, la nostra motivazione.
L’unico sostituto dell’ego, che creerà un mondo dove ci piace vivere, è l’amore. Questa parola, che denigriamo così facilmente, è l’unica parola che abbiamo per descrivere la forza più potente dell’esistenza: il potere di dare. Potremmo sogghignare di fronte a queste parole, ridicolizzare e sminuire chiunque si limiti a tirare fuori il concetto di amore o di dare, ma sbaglieremmo a farlo. Niente è più potente dell’amore.

Pensate a questo: saresti qui se non fosse per l’amore dei tuoi genitori per te? Questo mondo sarebbe qui se non fosse per i trilioni di specie che continuamente creano e nutrono la loro prole? Nonostante la miriade di forze distruttive che ci circondano, la vita continua e persino si evolve perché il potere della vita, il potere di dare e coltivare la vita, è più forte di tutte loro messe insieme.

Fino all’inizio del XX secolo questa era anche la situazione della società umana. Ma da allora le forze distruttive dell’egoismo nell’umanità si sono intensificate al punto che ora rappresentano un rischio esistenziale non solo per la nostra specie, ma per l’intero pianeta. Ora noi, il genere umano, dobbiamo fare uno sforzo cosciente per elevare il potere dell’amore e del dare al di sopra del potere dell’ego, il desiderio di prendere per me tutto ciò che posso, come posso, e quanto più posso.

I dieci miliardari possono essere esempi eclatanti di egoismo, ma se ognuno di noi fosse nei loro panni, saremmo uguali e agiremmo come loro. La piaga è in tutti noi, quindi solo tutti noi possiamo guarirla. Se ci mettiamo in testa di farlo collettivamente, possiamo spostare il paradigma dal prendere al dare, e diventare “genitori”, progenitori di un mondo che funziona con un nuovo tipo di carburante.
Nel nuovo mondo, nessuno starà fermo finché tutti non saranno al sicuro e curati. Proprio come il corpo intero non ha riposo e non ha pace mentale se tutti i suoi organi non stanno bene, così sentiremo per ogni persona nel mondo che tutti sono parti di me, e io non posso essere in pace se tutti non sono in pace.
Oggi muoversi verso questa mentalità è un dovere. Siamo diventati così interdipendenti che se non ci prendiamo cura di tutti, tutti soffriranno. Se assumiamo questa mentalità, sbocceremo. Se la rifiutiamo, allora abbiamo segnato il nostro destino.

[Jeff Bezos, presidente e CEO di Amazon e proprietario del Washington Post, parla alla “Milestone Celebration Dinner” della Economic Club of Washington DC a Washington, Stati Uniti, 13 settembre 2018. REUTERS/Joshua Roberts]

Author :
Print

Leave a Reply